A che (e a chi) serve l’impastatrice? Guida all’acquisto

Molto spesso si comprano cose che, alla fine, si usano poco o niente. Potrebbe capitare anche con l’impastatrice, quindi prima di acquistarla chiedersi a cosa potrebbe servirci. Se alla fine dell’auto-test si avranno feedback che ci convincono a proseguire, ben venga l’impastatrice in cucina, ma non prima di aver risposto a una serie di quesiti per chiarire l’effettiva utilità di questo elettrodomestico. Il primo domandone è se siamo davvero patiti degli impasti, se cioè sono una costante della nostra cucina, intendendo un’intera gamma di lavorazioni base per pizze, pane, dolci e pasta fatta in casa, oggi alla portata dei robot da cucina che, però, oltre a non essere specializzati in questo genere di composti non hanno la stessa capienza di un’impastatrice. Altra domanda da farsi è se c’è abbastanza spazio sul banco cucina, in quanto è una macchina piuttosto ingombrante da collocare in pianta stabile con il suo corredo di accessori.

Terzo quesito se si vuole delegare una varietà di impasti dolci o salati a una macchina che se li prende in carico e fa tutto da sola mentre noi ci possiamo dedicare nel frattempo ad altre faccende domestiche. Se poi si è pure soliti montare spesso e volentieri albumi, panna o purè l’impastatrice è l’elettrodomestico che fa per noi, versatile, efficace e in grado di produrre in breve tempo e con la giusta consistenza impasti di ogni tipo per pane, pizze, pasta fresca, torte o biscotti, tanto per fare gli esempi più comuni, ma un’impastatrice può fare molto di più specializzata in lavorazioni originali e raffinate per una cucina di classe. Certo, va saputa usare e manovrare, il che non è proprio facilissimo.

A differenza, infatti, di quanto si possa immaginare, l’impastatrice non è fra le macchine più facili da usare in cucina, in quanto richiede operazioni e dosaggi che variano da ricetta a ricetta, quindi il consiglio è sempre quello di leggere e mettere in pratica le istruzioni, col tempo poi l’esperienza farà il resto. Quando si acquista è importante tenere d’occhio alcune caratteristiche e opzioni diverse da macchina a macchina, in particolare accertarsi che sia fornito in dotazione il coperchio paraspruzzo, che sia sufficientemente stabile per non spostarsi o, peggio, rovesciarsi quando è in azione, e che il wattaggio sia compreso fra 500 e 1200w. Altre info su www.impastatricemigliore.it.